Trofeo Caronte: il treno vince sull’auto

trofeo_caronte08Ieri abbiamo partecipato (Francesca Cella, Diego Tavazzi, Sergio Cannavò ed io) al Trofeo Caronte di Legambiente: l’annuale sfida tra treno e auto per raggiungere il centro di Milano. È stata ancora una volta la riprova che il treno è più competitivo (metà del tempo e 1/3 del costo). Il treno ovviamente è anche molto molto meno impattante sull’ambiente dell’auto. Il problema è che in queste condizioni (ritardi cronici, viaggi spesso in piedi, sedili sporchi, informazioni carenti, etc.) il treno non riesce attrarre i molti pendolari che ancora usano l’auto. Ed inoltre gli attuali treni non sarebbero in grado di accoglierei nuovi passeggeri. Ci voglio però più investimenti, più offerta, più qualità.

Qui gli articoli del ilcittadino1.

Dal comunicato di Legambiente Lombardia.
IN TRENO E’ MEGLIO: la nostra pagella comparativa
(DATI: elaborazione da ‘Guida regionale al trasporto pubblico in Lombardia’, AssoUtenti 2006)
AMBIENTE ED ENERGIA, 4 a 1 – Muoversi costa, non solo per il portafogli, ma anche per i consumi di energia e le conseguenti emissioni di gas, siano essi gas-serra o gas inquinanti. Anche muoversi in treno ha un rilevante costo energetico, e tuttavia questo ‘costo ambientale’, a parità di km e di passeggeri trasportati, è quattro volte inferiore a quello dell’automobile privata
RISPARMIO, 5 a 1 – In Italia le tariffe ferroviarie per i passeggeri regionali sono tra le più basse d’Europa (anche lo standard di qualità, qualcuno potrà obiettare). L’auto, utilizzata per raggiungere il luogo di lavoro, ha invece dei costi altissimi per una famiglia. Combustibile e pedaggi sono solo una parte dei costi, il resto (acquisto e ammortamento, manutenzione, riparazioni, imposte, assicurazione, box, parcheggi), se vengono correttamente contabilizzati, comportano un costo – sempre per gli spostamenti pendolari su una distanza casa-lavoro di 50 km – oltre 10 volte superiore!
SICUREZZA, 12 a 1 – Gli incidenti ferroviari conquistano quasi sempre gli onori della cronaca perché – per fortuna – sono rari. Nei paesi industrializzati, il rischio di subire una lesione grave o mortale a seguito di incidente è 12:1, a parità di km percorsi in auto e in treno.
OCCUPAZIONE DI SPAZIO, 20 a 1 – Nel territorio della Lombardia non c’è più molto spazio per infrastrutture, strade, edifici. Per questo è così difficile costruire nuove strade. Le ferrovie sono molto vantaggiose: esse occupano da 1/10 a 1/30 dello spazio occupato dalle strade, a parità di passeggeri e merci trasportabili.
VELOCITA’, 6 a 5 – Ritardi permettendo, il treno è il mezzo più veloce specie per gli spostamenti da e verso i grandi centri urbani. Da una stima di UTP su una decina di direttrici convergenti verso Milano, i tempi di percorrenza sono mediamente inferiori di quasi il 20% in treno rispetto alla stessa tratta percorsa in auto
SOCIALITA’, 1 a 0 – In treno si fanno più conoscenze che in auto, dove in genere le opportunità di socializzazione sono limitate ai casi di tamponamento, alle discussione coi lavavetri o ai diverbi con i vigili urbani
CULTURA, 1 a 0 – E’ molto pericoloso leggere un libro mentre si guida un’auto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...