Finalmente: telecamere per la Zona a Traffico Limitato!

ztl2È una “battaglia” che, con Legambiente, Ciclodi, Laboratorio per la città e altri, abbiamo portato avanti in questi ultimi anni. Controlli elettronici per gli ingressi alla Zona a Traffico Limitato (ZTL) di Lodi. L’unico modo per fermare l’assedio di auto al centro storico e i continui ingressi non autorizzati documentati da foto e raccontati da molte iniziative (magari nei prossimi giorni vado a scovarli da qualche parte). Uno dei problemi era che chi entrava nella ZTL senza permesso e incappava in qualche controllo veniva semplicemente invitato a uscire e non multato. Quindi zero deterrente. Ora con le telecamere i controlli saranno automatici e speriamo i vigili siano destinati a sanzionare tutte le numerose infrazioni (in particolare la piaga delle auto parcheggiate ovunque su marciapiedi, strisce pedonali, piste ciclabili, posti per invalidi) che quotidianamente si verificano in tutta la città e non solo nel centro storico.
Quella di creare (e far rispettare) in tutta la città spazi dove pedoni, biciclette e bambini possano passeggiare senza essere assediati dalle auto è, secondo me, una battaglia di civiltà per una città a misura d’uomo e non di auto. Anche perché, è sempre utile ricordalo, il traffico è il responsabile primo dell’inquinamento atmosferico, in particolare del famigerato PM10. Ecco perché plaudo a questo provvedimento
.

Da Il Cittadino del 18 febbraio 2008

Gli occhi elettronici controlleranno i “furbi” che entrano in centro senza il pass: a partire da aprile scattano le multe
Sosta selvaggia in centro, ecco la svolta
Dal 3 marzo attive le telecamere che controlleranno l’accesso alla Ztl

Scatta la rivoluzione negli accessi alla Ztl. Dai primi di marzo verrà attivato il sistema dei controlli elettronici. Le telecamere sono già state posizionate e tra breve tempo cominceranno a verificare i passaggi dei veicoli. Gli apparecchi sono stati installati in corso Vittorio Emanuele all’altezza di piazza Castello, in via Garibaldi all’incrocio con via IV novembre e in corso Roma all’intersezione con via XX settembre. Fino al prossimo 14 aprile è previsto un periodo sperimentale, che servirà a monitorare la corretta funzionalità degli impianti e a registrare il transito dei veicoli. In questa fase il video controllo non comporta l’invio di verbali di accertamento ai trasgressori. Successivamente il sistema andrà a regime con la previsione di salate sanzioni per i “furbetti”: 74 euro per la circolazione in Ztl senza autorizzazione o al di fuori degli orari consentiti, 50 euro per l’omessa esposizione di contrassegno in originale e 38 euro per sosta vietata nella Zona a traffico limitato. Il passaggio dei mezzi verrà rilevato tramite lettura della targa presso i varchi che sono stati realizzati. Si tratta in particolare di postazioni locali di identificazione che sono collegate con una centrale operativa presso il comando di polizia locale. I codici vengono esaminati da un’unità di elaborazione in grado di leggere le targhe e discriminare gli aventi diritto dai trasgressori. «Il piano, che partirà per una prima fase il prossimo 2 marzo, ha l’obiettivo di mettere in atto controlli più mirati all’interno della Zona a traffico limitato, un’iniziativa che s’inserisce nel quadro delle azioni portate avanti dall’amministrazione sulla sorveglianza e corretta valorizzazione della Ztl – ha spiegato il sindaco Lorenzo Guerini – in quest’ottica stiamo anche aprendo un confronto con l’Azienda sanitaria locale per un’interpretazione letterale della disciplina sull’autorizzazione dei permessi per i disabili». Sul tema dell’accesso speciale per i disabili il comune ha anche rivisto in parte la disciplina per il transito nel centro storico. Come ha inoltre spiegato l’assessore alla viabilità Leonardo Rudelli, per evitare disagi alla cittadinanza palazzo Broletto ha preparato un vasto sistema di comunicazione: con l’attivazione di un numero verde dedicato per informazioni, l’invio a casa di comunicazioni e sarà attivo uno spazio web. «Il tutto per fare a tutti gli effetti dell’area individuata nel centro storico cittadino una Zona a traffico limitato e ridurre gli abusi», ha concluso l’assessore alla mobilità sostenibile, Simone Uggetti. Matteo Brunello

E nei festivi il divieto alle auto sarà totale

Nei giorni di domenica e festivi la Ztl diventerà isola pedonale. La misura partirà dal 14 aprile con l’entrata in funzione definitiva del sistema di controllo elettronico dei varchi. Da quella data potranno transitare, per un giorno alla settimana, solo i residenti della Zona a traffico limitato e i disabili per situazioni di necessità che faranno esplicita richiesta e i mezzi di soccorso. Quindi anche tutti i disabili, con targhe registrate e in possesso di regolare pass d’ingresso, avranno l’obbligo di dare comunicazione preventiva. Dovranno fare una richiesta ordinaria, da inoltrare qualche giorno prima alla polizia municipale, con la spiegazione delle motivazioni per l’accesso. L’apposita modulistica sarà reperibile sul sito del comune di Lodi o presso l’ufficio viabilità del municipio e il comando di polizia locale. «Il progetto è quello di rendere più fruibile il centro storico cittadino, attraverso un uso equilibrato degli spazi della città e disciplinando gli accessi – hanno illustrato l’iniziativa il sindaco Lorenzo Guerini e l’assessore alla viabilità in comune, Leonardo Rudelli – Sappiamo che il cambiamento all’inizio potrebbe portare qualche difficoltà, per questo abbiamo attivato un capillare servizio di informazione e segnalazione per gli utenti e la cittadinanza. Se poi funziona, l’intenzione è quella di estenderlo ad un altro giorno oltre la domenica».Per ora, una volta che il controllo elettronico entrerà a regime, tutta la zona della Zona a traffico limitato (da via Garibaldi, da corso Roma a corso Vittorio Emanuele) nel fine settimana diventerà il regno esclusivo di pedoni e ciclisti. Potranno circolare solo i mezzi dedicati alle emergenze, quelli del trasporto pubblico, i residenti della Ztl e coloro che avranno fatto richiesta preventiva per «situazioni particolari», come ha informato l’amministrazione comunale.

Il contrassegno andrà sempre esposto Si rischiano “stangate” fino a 74 euro

Con l’attivazione dei sistemi elettronici ai varchi della Ztl sono state introdotte alcune modifiche. Non ci saranno grandi cambiamenti per tutti coloro, come i residenti domiciliati all’interno del perimetro della, che posseggono già un pass per l’accesso con indicata la targa del veicolo autorizzato. Il permesso andrà comunque sempre esposto in modo visibile sul cruscotto ed esibito al personale della polizia locale che effettua servizio in centro storico. Se nel permesso è poi indicato uno specifico varco e percorso dovranno essere rispettati, per non essere passibili di sanzioni. Per quanto riguarda i veicoli adibiti allo carico e scarico delle merci, gli orari sono quelli fissati (dal lunedì al venerdì, dalle 6 alle 10.30, dalle 14 alle 16 e dalle 19 alle 20; sabato dalle 6 alle 10.30) e farà fede il permesso rilasciato per l’ingresso. In caso di fornitori abituali per gli esercizi commerciali del centro, sarà possibile comunicare la targa del veicoli e non ci saranno problemi di accesso; mentre per i fornitori occasionali è sufficiente un preavviso o una comunicazione successiva (nell’arco di 48 ore) che riporti tempo e percorso effettuato in centro storico (al fax 0371/416097 oppure indirizzo e-mail infoztl@comune.lodi.it). Inoltre per coloro che sono in possesso di pass su cui non è indicata la targa del veicolo occorre provvedere entro il 9 marzo prossimo presso l’ufficio viabilità del comune o la polizia locale. Infine, per i veicoli a servizio degli invalidi dotati di regolare permesso, si prevede che i titolari del pass comunichino le targhe dei mezzi utilizzati abitualmente per l’ingresso in Ztl: i disabili residenti nella Ztl avranno la possibilità di comunicare due targhe di veicoli da utilizzare, mentre tutti gli altri disabili abitanti in città potranno segnalare la targa di un solo mezzo. E comunque tutti i disabili in caso di necessità potranno entrare in centro, comunicandolo preventivamente o entro le 48 dopo ad un numero verde (800.106.850).

Annunci

3 pensieri su “Finalmente: telecamere per la Zona a Traffico Limitato!

  1. Pingback: La politica che vorrei: bilancio del 2009 e buoni propositi per il 2010 « Briciole caotiche

  2. Pingback: Pro memoria elettorale: no alle auto in piazza! « Briciole caotiche

  3. Pingback: + AUTO=+ MOVIMENTO e VITALITÀ…ma dove? | Briciole caotiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...