Addio a Giuliano Mauri

È morto pochi giorni fa una delle persone più geniali, uno degli artisti più interessanti del lodigiano. Nato nelle nostre terre, ma di fama internazionale. Voglio ricordarlo qui con le foto di alcuni suoi lavori e link alla sua opera forse più famosa: la Cattedrale vegetale del 2001 per Arte Sella. Altre cose su wikipedia. Incollo anche un’intervista (da Il Cittadino del 30/o5/’09) a Philippe Daverio che lo ricorda. Tra l’altro ho cercato in google un suo sito, ma non sembra esistere. Sarebbe bello crearne uno, una sorta di catalogo online delle sue opere. Un omaggio al suo genio.

mauri2

giuliano-mauri

daverio_mauri

Annunci

3 pensieri su “Addio a Giuliano Mauri

  1. Giuliano spesso ricordava che tutti noi siamo foglie che seguono il lento fluire del fiume,a volte,nel nostro cammino,incontriamo un albero solitario,la secca di un ansa,legni levigati dalla corrente,segni che testimoniano che sono i luoghi che scelgono l’artista.
    E gli artisti sono essi stessi foglie,finito il loro ciclo,cadono,e vengono trascinati via,seguendo il loro destino per tornare alla natura.

  2. ho avuto la fortuna e il piacere di conoscere Giuliano Mauri in qualità di musicista, realizzando le colonne sonore di due video dedicati a lui e alla sua ricerca: Ciclico Gerundo e Un Bosco, realizzati rispettivamente da Stalker video e da Studio Azzurro.
    Ho anche avuto modo di conoscere personalmente Mauri durante la mostra dedicata alle città invisibili di Calvino e per la quale aveva realizzato, davanti all’entrata della triennale, una bellissima struttura sferica (che fine ha fatto? E’ stata spostata?)
    Trovo che il suo percorso sia tra i pochi che, nell’ambito della cosiddetta arte contemporanea, abbia la capacità di emozionare ed evocare utopie possibili.
    La sua ricerca di contatto col vivente nella forma vegetale è di rara intensità e per nulla intellettualistica.
    Avrei voluto comunicare a voce questi miei goffi pensieri sulla sua alta e intensa modalità di vivere l’arte, ma ho appreso solo oggi della sua scomparsa. Sapevo che era ammalato ma, forse ingenuamente, non immaginavo potesse essere cosi grave il suo male. Mi mancherà molto la sua figura ma per assurdo la ritroverò in tutte quelle forme vegetali che incontriamo in natura e che hanno rapppresentato per Giuliano Mauri una preziosa fonte di ispirazione … “più che cultura faccio coltura” raccontava in una videointervista. Giuliano Mauri, che avrei voluto conoscere meglio di persona, è per me un esempio di intellettuale, un coltivatore di idee e utopie.

  3. Pingback: www.giulianomauri.com | Briciole caotiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...