Andrea Frignani candidato al Consiglio comunale di Lodi

Nella lettera che pubblico sotto, Andrea racconta le ragioni che lo hanno portato a ricandidarsi per il Consiglio Comunale dopo l’esperienza di questi ultimi 5 anni in cui è stato consigliere. Racconta i progetti per il prossimo mandato e quanto è stato realizzato fino ad ora.
C’è una cosa che Andrea non racconta e che invece mi sembra importante, che gli fa onore e che può in qualche modo rappresentare la sua visione della politica: all’inizio del mandato è stato uno dei pochi a votare contro (e a sollevare la questione pubblicamente) al provvedimento che ha previsto che ciascun consigliere fosse dotato di un pc portatile. La fornitura dei pc era stata imposta come obbligo per le banche partecipanti al bando di gara per l’aggiudicazione del servizio di Tesoreria comunale.
Andrea non è solo un amico fraterno dai tempi del Liceo, ma in questi anni abbiamo lavorato insieme per costruire un Partito Democratico aperto, plurale, innovativo (che puntasse sul rinnovamento della propria classe dirigente, sulle partecipazione e sulle primarie, sul merito, etc.), prima attraverso l’esperienza dell’Associazione per il Partito Democratico, poi con il sostegno alla candidatura di Ignazio Marino.

Per votarlo: scheda azzurra, tracciare una X sul simbolo del PD e scrivere FRIGNANI

Carissimo/a,
in questi giorni si concludono 5 anni molto belli e molto intensi della mia vita legati all’esperienza di consigliere comunale a Lodi.
Ti scrivo perché ho deciso di ricandidarmi e credo sia giusto, nel chiederti di sostenermi in questa mia iniziativa, rubarti qualche istante per renderti partecipe delle ragioni alla base della mia scelta.
Lodi rappresenta per me innanzitutto il centro dei miei affetti, delle mie amicizie, delle mie relazioni, la città in cui mi sento “a casa” anche quando non sono tra le mura domestiche.
La città in cui spero che i miei amici che studiano o lavorano all’estero possano tornare a costruirsi un futuro sereno e gratificante, la città che spero scelgano i miei figli per vivere.
Quando attraverso i Giardini del Passeggio e trovo tante persone che si godono le domeniche soleggiate, quando percorro il lungo Adda e penso che alcuni amici non dovranno più temere il fiume, quando gioco al nuovo campetto di basket delle Baste, quando giro in bici la città sulle ciclabili e vedo in ogni quartiere tante realizzazioni e riqualificazioni, quando porto mio figlio al nido comunale, quando partecipo alla Notte bianca e a tanti momenti di intrattenimento, mi ricarico di energie e di motivazione per rinnovare il mio impegno nell’amministrazione della mia città.
Spero che tu valuti positivamente la riqualificazione dello stadio della Dossenina, i nuovi impianti di illuminazione pubblica a risparmio energetico, la riqualificazione di importanti assi stradali come per esempio Viale Pavia-Via San Fereolo, i nuovi parchi di quartiere ed orti sociali, gli interventi di edilizia sociale, il nuovo regolamento edilizio attento al rispetto dell’ambiente, la nuova programmazione teatrale e dei festival, il nuovo Ridotto alle Vigne, la bretella di Via Selvagreca.
Spero soprattutto che anche tu condivida la nostra ambizione di fare di Lodi una città universitaria: abbiamo già investito e vogliamo continuare a investire moltissime energie e risorse economiche nello sviluppo del Polo Tecnologico e nel trasferimento dell’Università Veterinaria di Milano a Lodi, per creare un centro di eccellenza e di innovazione in campo agronomico e zootecnico che possa caratterizzare lo sviluppo anche occupazionale delle nostre nuove generazioni.
Perché ti chiedo di accordarmi la tua fiducia?
Perché abbiamo attraversato 5 anni caratterizzati dall’essere privati dell’unica entrata fiscale comunale veramente federalista (l’ICI) e contemporaneamente da minori finanziamenti dallo Stato, ma a Lodi siamo riusciti a mantenere alto il presidio sui crescenti bisogni sociali delle famiglie e delle persone in difficoltà, aumentando del 30% in 5 anni la spesa sociale e mantenendo inalterate le tariffe per asili, mense scolastiche, etc., riducendo al minimo la pressione fiscale.
Perchè in questo quadro economico difficilissimo, aggravato dalla crisi economica mondiale, abbiamo portato avanti la progettazione esecutiva di importanti opere pubbliche attese dalla città: la nuova piscina coperta olimpionica, il nuovo polo bibliotecario-museale, il nuovo centro di servizi per l’infanzia e per le famiglie.
Perché, infine, il nostro programma (disponibile anche sul sito http://www.lorenzoguerinisindaco.it) prevede il loro completamento nei prossimi anni e insieme prevede tante nuove iniziative per lo sviluppo economico della città (l’ampliamento della ZTL e nuovi parcheggi per favorire gli esercizi commerciali del centro), per la coesione sociale (“obiettivo e insieme strumento irrinunciabile per rendere Lodi una città vivibile, sicura e civile”), per le famiglie, soprattutto i giovani le donne e gli anziani, per l’ambiente e per la mobilità.
Ti ringrazio anticipatamente se vorrai accordarmi il tuo sostegno, aiutandomi a raccogliere la fiducia anche di parenti amici e conoscenti, e ti prometto, semplicemente, che tutte le mie energie e il mio entusiasmo saranno rivolte a rendere Lodi ancora più bella, più viva e più accogliente.
Un caro saluto
Andrea
(per contattarmi 349/46.59.731 – andrea.frignani@gmail.com – facebook)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...