Cose che non sopporto

Perché per promuovere un dibattito su immigrazione e integrazione bisogna usare foto di donne con il burqa, musulmani che pregano in piazza Duomo a Milano, campi nomadi, barconi con disperati?
Così é il manifesto (lo incollo qui sotto) del pdl che ho visto in giro per Lodi.

Perché non usare foto degli allevatori indiani senza i quali le nostre cascine padane chiuderebbero?
O le badanti dell’est Europa che si prendono cura dei nostri anziani.
I muratori stranieri che costruiscono le nostre case.
Le processioni religiose dei sudamericani cattolici che hanno animato le strade delle nostre città.
Gli imprenditori extracomunitari che nella sola provincia di Milano danno lavoro a 20.000 persone, di cui quasi 4.000 italiani.

Magari quelli del pdl non le hanno trovate queste foto.
Ecco, appunto.
Allora le pubblico qui (sono quasi tutte tratte da questo sito). Bisognerebbe portarle all’incontro pubblico.



5 pensieri su “Cose che non sopporto

  1. Per la stessa ragione per cui, secondo il più recente studio, gli italiani percepiscono la presenza degli immigrati centuplicata o più rispetto ai dati reali. I media hanno forse una responsabilità in tutto questo???

  2. Pingback: Cose che non sopporto | Cronache dal nord Italia

  3. Pingback: “Immigrazione. Sogni e incubi” di Laura Coci e Roberto Gualterotti « Briciole caotiche

  4. Pingback: Su Pisapia, il centrosinistra e Milano « Briciole caotiche

  5. Pingback: Trova la differenza: Alemanno, sicurezza e dintorni « Briciole caotiche

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...