Misura la qualità della vita in città

Ho scritto (con Maria Berrini) questo articolo su come misurare la qualità della vita e dell’ambiente nelle città.
Tra le altre cose racconta l’esperienza di Ecosistema Urbano, il rapporto annuale di Legambiente – Ambiente Italia – Sole 24 Ore, che da ormai 18 anni misura le prestazioni ambientali dei capoluoghi italiani.
L’intero articolo è scaricabile  sul sito di Ambiente Italia.
Un abstract dell’articolo sul sito della rivista Consumatori, Diritti e Mercato di Altroconsumo (n.2/2011).

Questo un passaggio con un po’ di numeri (già noti a chi legge questo blog).

Nel complesso, però, è proprio il grigio a dominare, con un grande problema che domina su tutti: la mobilità. Il traffico di auto in città e i suoi nefasti effetti sulla qualità della vita (rumore, aria inquinata, incidenti, congestione degli spazi pubblici e conseguente disincentivo alla scelta di muoversi in modo meno inquinante) non sono prerogative solo italiane. Ma mentre nel resto d’Europa si investe sul trasporto pubblico e sulla mobilità ciclabile, in Italia in 15 anni siamo rimasti sostanzialmente fermi (e la distanza con le città europee si è allargata sempre più).
Tre temi a esemplificare il paradosso italiano:

  • Numero di auto in circolazione. Nel 2007 la media italiana è di 598 auto ogni 1.000 abitanti contro la media di 464 dell’Unione Europea; se guardiamo alle città è ancora peggio: a Copenaghen ci sono 27 auto ogni 100 abitanti, a Madrid 32, a Berlino 35, a Londra 36, a Milano 63, a Roma 76;
  •  Trasporto pubblico. Per essere competitivo con l’auto deve essere veloce ed efficiente, e quindi, per esempio, servono metropolitane e corsie preferenziali per autobus; ma mentre ci sono 408 km di metropolitana a Londra, 284 a Madrid, 213 a Parigi, 144 a Berlino, 107 a Barcellona, 106 a Stoccolma, 101 a Monaco e Amburgo, in Italia sono 78 a Napoli (compresi i servizi di ferrovia urbana), 75 a Milano, 37 a Roma, 13 a Torino, 6 a Genova; e le corsie preferenziali sono 600 km a Vienna, 289 a Milano, 119 a Torino, 111 a Roma;
  • Piste ciclabili. Confrontando, per esempio, Milano e Monaco di Baviera, che sono due città di dimensione simile, troviamo rispettivamente poco più di 70 km di piste contro gli oltre 700 km; 3 città in Europa (Vienna, Helsinki e Copenaghen) hanno la stessa estensione di piste ciclabili di quelle che assommano tutti i capoluoghi di provincia italiani.

5 pensieri su “Misura la qualità della vita in città

  1. Pingback: Festa democratica di Lodi: sabato dibattito sulla mobilità sostenibile « Briciole caotiche

  2. Pingback: A Pavia a parlare di città al Festival dei saperi « Briciole caotiche

  3. Pingback: “Verso città sostenibili” – Lodi, mercoledì 1 febbraio « Briciole caotiche

  4. Pingback: Per una mobilità nuova | Briciole caotiche

  5. Pingback: Ad Alessandria a parlare della “Qualità della vita in città” | Briciole caotiche

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...