Altra condanna definitiva per Fiorani

Ieri arrivata la condanna definitiva per quel brav’uomo di Fiorani (e soci) per la famosa scalata Antonveneta.
Vicenda su cui tanto ci siamo spesi in questi anni fino allo spettacolo teatrale che avevamo voluto portare a Lodi e che Fiorani aveva cercato in tutti i modi di bloccare ma che alla fine avevamo fatto grazie ad un’altra sentenza di un giudice.
Una storia incredibile di furbetti, truffe, tentativi di prevaricazioni e silenzi (e compiacenza) della città.
Un anno fa, dopo un’altra condanna definitiva, avevo scritto invitando a chiedere scusa alla città.
Stiamo ancora aspettando.
Perché davvero credo sia stata una delle più brutte pagine della nostra città, non tanto le malefatte di Fiorani ma, appunto, il silenzio della “classe dirigente” di Lodi sempre pronta a fare dichiarazioni su ogni cosa ma che sulla vicenda di Fiorani non ha speso una sola parola di condanna.
Per pochi giorni si è evitata la prescrizione che sarebbe scatta il 12 dicembre.
Queste le condanne della Cassazione: due anni e mezzo di reclusione per l’ex governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio, un anno e otto mesi per gli ex vertici di Unipol, Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti, un anno per l’ex leader della Bpi, Gianpiero Fiorani. I giudici di Piazza Cavour, inoltre ha confermato le condanne nei confronti dell’ex fiduciario svizzero Fransco Ghioldi, 4 anni e 3 mesi, e dell’imprenditore Luigi Zunino a 1 anno e mezzo.
ps: la foto è della famosa passeggiata di Fazio, Fiorani e Gnutti per le vie di Lodi durante il Forex del 2002…così, perché qui piace coltivare la memoria (qui tutta la storia!).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...