+ AUTO=+ MOVIMENTO e VITALITÀ…ma dove?

auto_piazza_lodiOgni volta non riesco a capacitarmi che ci sia ancora qualcuno che propone l’equazione + AUTO=+ MOVIMENTO e VITALITÀ.
E così, mentre in tutta Europa si costruiscono interi quartieri senza auto, da noi a Lodi invece siamo ancora a proporre di riaprire alle auto le 4 strade che sono nella Zona a Traffico Limitato (ZTL) per rivitalizzare il centro storico. Ma è così ad ogni campagna elettorale, nell’ultima era stato il turno dell’UDC. Questa volta, a leggere la stampa locale, è tutto il centrodestra, che si presenta diviso con 5 candidati sindaci, che però sembra ricompattarsi proprio al grido di “più auto in centro!”.
Semmai servirebbero più controlli per far rispettare la ZTL: la situazione è migliorata con l’installazione nel 2009, dopo una nostra lunga battaglia, delle telecamere in 3 varchi della ZTL, ma occorre contrastare con ancora più determinazione i furbetti e sanzionare le auto che sostano in divieto (non solo in centro!).
Proprio sabato scorso si è svolta a Milano (Italia, Europa) una grande manifestazione per chiedere una mobilità nuova con più investimenti per il trasporto pubblico e per la mobilità ciclopedonale.
In tal senso mi piace sempre ricordare un dato: 3 città in Europa (Vienna, Helsinki e Copenaghen) hanno insieme la stessa estensione di piste ciclabili (circa 3.000 km) di tutti i 103 capoluoghi di provincia italiani. Questo è il vero spread con l’Europa, insieme al numero di auto in circolazione. È l’unica classifica in cui (tristemente) primeggiamo: in Italia abbiamo oltre 600 auto ogni 1.000 abitanti, neonati compresi, in Europa intorno a 470. E più auto, naturalmente, vuol dire più traffico, più congestione, più inquinamento (circa i 2/3 delle emissioni del famigerato PM10 a Lodi derivano proprio dal trasporto su strada!).
La possibilità di passeggiare tranquillamente nelle vie centrali senza auto è un beneficio non solo per i pedoni (e per i bambini, visto che tutti mettono la famiglia al centro del proprio programma elettorale!!), ma anche per gli stessi commercianti. Non è un caso che il valore degli immobili commerciali sia maggiore nelle aree pedonali e nelle ZTL.
Anzi, limitazioni di velocità e di accessibilità alle auto andrebbero previste anche in strade dei quartieri residenziali per incrementare la qualità di vita, creando spazi di socialità (a misura d’uomo e non di auto) non solo in centro!
Facciamo di Lodi una città europea!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...