Dell’insensatezza del Lodigiano così amministrato

cartinalodigianoIl prossimo maggio andranno ad elezione ben 52 Comuni dei 61 totali della Provincia di Lodi. L’elenco, che pubblico sotto e ho ripreso da Il Giorno, è per me emblematico: solo 5 comuni hanno più di 5.000 abitanti (Casalpusterlengo, Lodi Vecchio, Mulazzano, Tavazzano e Zelo Buon Persico), soglia sotto la quale i Comuni sono considerati piccoli.
A parte il caso estremo di Maccastorna che ha 60 abitanti, in pratica eleggono un consiglio di classe, la maggioranza dei Comuni ha tra 1.000 e 2.000 abitanti, alcuni (Abbadia Cerreto, Camairago, Cavacurta e Terranova dei Passerini) anche solo poche centinaia, tali da far apparire San Martino in Strada (3.624 abitanti) una metropoli.
Il Lodigiano, è bene ricordarlo sempre, ha lo stesso numero di abitanti (circa 220.000) di un quartiere di Milano, ma è suddiviso in 61 Comuni, a cui si aggiunge una miriade di altri organismi ed Enti nazionali, regionali e provinciali che svolgono diverse funzioni.
Intanto pochi giorni fa il Senato ha votato l’abolizione dell’elezione diretta del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale. Non sono state abolite le Province, almeno per ora: restano, con meno funzioni, ma diventano un organismo di secondo di livello eletto dai Sindaci dei Comuni della Provincia. I cittadini quindi non eleggeranno più direttamente i propri rappresentanti e temo che così la distanza tra questa istituzione e le persone andrà ulteriormente aumentando e, assurdamente, diminuiranno anche le possibilità di controllo.
Per il Lodigiano la situazione sarà ancora più paradossale, con Sindaci di Comuni con poche centinaia o migliaia di abitanti che assumeranno ulteriori ruoli e dovranno eleggere il Consiglio provinciale e il Presidente della Provincia. Questo meccanismo è già presente per le nomine di molte Società partecipate, in cui è proprio l’assemblea dei Sindaci dell’intera Provincia a nominare i vari Consigli di Amministrazione. In queste nomine, il più delle volte prevalgono non criteri di merito e competenza, ma equilibrismi e bilancini tra le varie parti politiche: tanti posti spettano al centrodestra e tanti al centrosinistra sulla base proprio dei rapporti di forza nei Comuni amministrati dalle diverse coalizioni politiche. (Sulla Provincia di Lodi avevo scritto un pezzo tempo fa dal titolo emblematico: “Serve la Provincia di Lodi?“)
Ora, io continuo a chiedermi perché, ad esempio, Montanaso (2.231 abitanti) non possa essere una frazione di Lodi o perché nei soli 3 km di strada tra la tangenziale di Lodi e il casello autostradale debbano insistere ben 3 Comuni (Lodi, Cornegliano Laudense e Pieve Fissiraga), oltre al Comune di Borgo San Giovanni che è appena dopo l’autostrada. Il risultato di questa frammentazione è che ogni Comune, spesso solo per far cassa, ha pianificato le proprie aree di espansione residenziale, le proprie zone commerciali e artigianali senza alcun coordinamento. Emblema di questa mancanza di pianificazione sovracomunale è proprio la strada tra Lodi e il casello autostradale dove negli ultimi quindici anni sono “fioriti” centri commerciali, megastore di ogni genere e capannoni artigianali: ne sono risultati un forte degrado paesistico e una viabilità non in grado di reggere e che, nonostante gli importanti interventi di adeguamento realizzati, continua ad essere congestionata di traffico non solo nelle ore di punta.
È possibile trovare soluzioni a questo stato di fatto? All’inizio dell’anno, con coraggio e determinazione, Abbadia Cerreto, Boffalora d’Adda, Corte Palasio e Crespiatica hanno dato il via ufficialmente all’Unione dei Comuni Oltre Adda Lodigiano che avrà il compito di gestirne i principali servizi. Ma restano quattro Comuni distinti, prova ne è che tutti e quattro andranno separatamente ad elezione tra due mesi. Messi insieme in un unico Comune supererebbero di poco i 5.000 abitanti. E allora forse bisognerebbe prendere esempio da altri Comuni, anche della nostre stessa Regione, che hanno svolto referendum non per la semplice unione ma proprio per la fusione in un unico ente comunale.
Non si stratta così di negare la storia e l’identità di ciascuno di noi ma di prendere atto che una tale frammentazione non ha più ragione d’essere oggi. Non tanto per ridurre i costi della politica, i politici in questi piccoli Comuni fanno praticamente volontariato con rimborsi di poche centinaia di euro al mese, ma per incrementare l’efficienza dei servizi offerti ai cittadini, specialmente in questo periodi di forti tagli alle risorse pubbliche, e per garantire una pianificazione territoriale di più ampio respiro.

PROVINCIA DI LODI (52 Comuni): COMUNE E SINDACO USCENTE
Abbadia Cerreto (297 abitanti) Adriano Cucchi Lista Civica
Bertonico (1.168 ab.) Verusca Bonvini Lista Civica
Boffalora d’Adda (1.705) Livio Bossi Centro Destra (Contr.Uff.)
Borghetto Lodigiano (4.379) Franco Rossi Lista Civica
Brembio (2.647) Giuseppe Sozzi Lista Civica
Camairago (667) Renzo Clerici Lista Civica
Casaletto Lodigiano (2.779) Giorgio Marazzina Lista Civica
Casalmaiocco (3.069) Pietro Segalini Lista Civica
Casalpusterlengo (14.852) Flavio Parmesani Centro Destra (Contr.Uff.)
Caselle Landi (1.652) Piero Luigi Bianchi Lista Civica
Caselle Lurani (3.100) Sergio Rancati Lista Civica
Castelnuovo Bocca d’Adda (1.700) Fabrizio Lucchini Lista Civica
Castiraga Vidardo (2.624) Oscar Fondi Lista Civica
Cavacurta (853) Daniele Saltarelli Lista Civica
Cervignano d’Adda (2.119) Pietro Bodini Inicco Lista Civica
Comazzo (2.183) Italo Vicardi Lista Civica
Cornegliano Laudense (2.838) Matteo Lacchini Lista Civica
Corno Giovine (1.193) Paolo Belloni Lista Civica
Corte Palasio (1.550) Marco Stabilini Lista Civica
Crespiatica (2.137) Anna Maria Ogliari Lista Civica
Fombio (2.288) Davide Passerini Lista Civica
Galgagnano (1.208) Stefano Giannini Lista Civica
Graffignana (2.604) Marco Ravera Lista Civica
Guardamiglio (2.687) Maria Grazia Tondini Rossi Lista Civica
Livraga (2.602) Ettore Serafino Grecchi Lista Civica
Lodi Vecchio (7.356) Giovanni Carlo Cordoni Lista Civica
Maccastorna (60) Piero Giovanetti Lista Civica
Mairago (1.397) Davide Tei Lista Civica
Maleo (*) (3.249)
Marudo (1.568) Claudio Bariselli Lista Civica
Massalengo (4.192) Domenico Papagni Lista Civica
Meleti (466) Emanuele Stefanoni Lista Civica
Merlino (1.772) Giovanni Fazzi Lista Civica
Montanaso Lombardo (2.231) Luca Ferrari Lista Civica
Mulazzano (5.733) Abele Guerini Lista Civica
Orio Litta (2.023) Pier Luigi Cappelletti Lista Civica
Ospedaletto Lodigiano (1.853) Eugenio Ferioli Lista Civica
Ossago Lodigiano (1.412) Angelo Taravella Lista Civica
Pieve Fissiraga (1.604) Paola Rusconi Lista Civica
Salerano sul Lambro (2.653) Stefania Marcolin Lista Civica
San Fiorano (1.804) Antonio Mariani Lista Civica
San Martino in Strada (3.624) Luca Marini Lista Civica
San Rocco al Porto (3.464) Giuseppe Ravera Lista Civica
Santo Stefano Lodigiano (1.902) Massimiliano Lodigiani Lista Civica
Secugnago (1.984) Mauro Salvalaglio Lista Civica
Senna Lodigiana (1.997) Francesco Antonio Premoli Lista Civica
Somaglia (3.661) Pier Giuseppe Medaglia Lista Civica
Tavazzano con Villavesco (6.099) Giuseppe Russo Lista Civica
Terranova dei Passerini (906) Roberto Depoli Lista Civica
Turano Lodigiano (1.538) Umberto Ciampetti Lista Civica
Villanova del Sillaro (1.732) Moreno Oldani Lista Civica
Zelo Buon Persico (6.872) Paolo Della Maggiore Il Popolo della Liberta’

(*): comune ad elezioni anticipate rispetto alla scadenza naturale del mandato.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...