Il 41% che è un po’ anche mio

APD_28_05_07Ho ripescato questo volantino del 28 maggio 2007: “Come vorremmo che fosse il Partito Democratico?” un’iniziativa con Riccardo Sarfatti (quanto ci manca la sua intelligenza).
Erano un po’ di anni che non facevo più politica attiva, ma con un gruppo di amici avevamo promosso nel Lodigiano l’Associazione per il Partito Democratico (che faceva riferimento proprio a Sarfatti) perché credevamo fortemente nel progetto del Partito Democratico (che invece era osteggiato da parti non irrilevanti di Margherita e DS).
Pochi mesi dopo, era il dicembre 2007 e nel frattempo il PD era nato, avevamo promosso un altro incontro con un titolo altrettanto significativo “Rinnovamento della politica e Partito Democratico”, ospite d’onore Salvatore Veca e tra i partecipanti anche l’attuale vice segretario del PD Lorenzo Guerini.
E da lì in poi l’esperienza della Mozione Marino, il Lingotto (con Renzi, Serracchiani, Civati, Scalfarotto e molti altri) l’appoggio alla campagna di Scalfarotto (oggi sottosegretario) per le scorse europee e poi Prossima Lodi, il mio voto per Renzi un po’ sofferto nelle primarie con Bersani, il  sostegno a Civati e molti altri contributi al PD.
Ecco perché questo 41% un po’ mi emozione e lo sento anche un po’ mio…
PS: 2 dei 3 candidati a queste europee che sostenevo sono stati eletti.

pd_veca

Annunci

Un pensiero su “Il 41% che è un po’ anche mio

  1. Pingback: Il trasformismo in salsa Lodigiana | Briciole caotiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...